COLLI DI SAN FERMO (BG) – Antonio Tiberi (Team Ballerini) conquista la terza tappa della 3GIORNIOROBICA – G.P. LVF 2018 in vetta alla durissima salita di Colli di San Fermo affrontata dal lato di Grone.

Con una prestazione spettacolare Tiberi fa suo il vero tappone della corsa rimontando nel finale Karel Vacek (Team Giorgi) che aveva staccato tutti i migliori. Andrea Piccolo (Team LVF) è terzo al traguardo e con tenacia mantiene la maglia di leader per 9″ su Vacek e 39″ proprio sul laziale Tiberi..

Al traguardo seguono l’ottimo Benedetti (Team Work Service Romagnano) a 1′.12″; Petrucci (Contri Autozai Omap) a 1’28”, Martin Nessler (Ausonia Csi Pescantina) sempre ad 1’28”.

CRONACA

Sono 138 i partenti della terza frazione di 89,3 km, da Seriate ai Colli di San Fermo con arrivo in salita

valida per Trofeo Impresa Edile Fratelli Giorgi” “G.P. Ivs” “Trofeo Galdini Auto” “Trofeo O3m”.

Il percorso prevede 6 giri di un circuito nei dintorni di Seriate, poi il tratto in linea verso il colle dei Pasta (dal versante di Torre de’ Roveri) primo gpm di giornata, e ancora un nuovo tratto in linea fino alla severissima salita finale dei Colli di S.Fermo.

Al termine del primo giro attaccano D’Amore (C.C.Canturino 1902) e Lunardon (Pressix P-3) che vuole la maglia del km 30 e la conquista vincendo lo sprint parziale. Poco dopo nasce l’azione più importante della prima parte della tappa. Scappano in nove: Gabriele Petrelli (Emilia Romagna), Patryk Piotr Padzuck (Cene), Domenico D’Amore (Canturino), Filippo Ghiron (GB Junior Team), Nicola Garbin (Work Service), Matteo Squarzon (Contri Autozai), Nicolò Lunardon (Pressix), Marco Cecchi (Team Franco Ballerini) e Alessandro Nobetti (Uc Foligno). Nel corso del quarto gro Nobetti si stacca e al comando restano in otto; il vantaggio massimo dei fuggitivi raggiunge 1’15”.

Marco Cecchi (Team Franco Ballerini) vince il traguardo volante 60° km. Il distacco tra i fuggitivi ed il gruppo si riduce sensibilmente nei pressi del Colle dei Pasta. A un chilometro e mezzo dallo scollinamento attaccano in tre del gruppo di testa: Gabriele Petrelli (Emilia Romagna), Domenico D’Amore (Canturino) e Nicola Garbin (Work Service). Le prime due ore si attestano attorno ai 42 km/h di media.

Vince il Gpm Gabriele Petrelli precedendo Garbin e D’Amore. A 11 km dall’arrivo il gruppo torna compatto. Si segnala la caduta di Vacek in discesa.

Sule prime rampe della salita finale restano davanti i migliori. A sei chilometri dal traguardo la tappa si accende. È lo scatto di Gabriele Benedetti (Work Service Romagnano) e Karel Vacek (Team Giorgi) a selezionare il gruppo degli uomini di classifica.

Sono in sette davanti: Samuele Rubino e Andrea Piccolo (Team LVF), Alessio Martinelli e Karel Vacek (Team Giorgi), Gabriele Benedetti (Work Service), Mattia Petrucci (Contri Autozai) e Antonio Tiberi (Team Franco Ballerini). Ai meno 5 il ceco Vacek prova un altro affondo. Gli resiste solamente Piccolo. Poi il corridore del Team Giorgi imprime maggiore forza alla sua azione e stacca tutti gli avversari. Al suo inseguimento a una ventina di secondi ci sono Piccolo e Tiberi. Vacek continua nel suo attacco, ma all’ultimo chilometro Tiberi ancora pieno di energie imposta il suo attacco e a 500 metri dall’arrivo rientra sul fuggitivo lo salta e arriva in trionfo sul traguardo dei Colli di San Fermo. Rubino finisce lontano.

Domani è in programma l’ultima frazione da Lallio a San Paolo d’Argon di 92,4 km con quattro volte la scalata al Colle dei Pasta. 

INTERVISTE

Andrea Piccolo (Team LVF) – Leader Generale, Punti, Giovani: “La squadra ha lavorato tanto fin dalle prime battute e mi ha consentito di non prendere rischi. Nel finale ci aspettavamo un attacco di Vacek e io ho cercato di restare davanti non perdendo troppo terreno, mi sono sempre informato sui distacchi e ho cercato di gestirmi in funzione della classifica generale. Rubino non stava bene e già ieri sera abbiao deciso che sarebbe spettato a me puntare alla generale. Domani ci vorrà molta attenzione”.

Antonio Tiberi (Team Ballerini) vincitore di tappa e Leader Scalatori: “Queste sono le gare che definisco perfette, che mi piacciono tanto: tirate fin dall’inizio con una salita dura nel finale. Devo ringraziare la squadra che ha lavorato sempre al meglio in ogni fase della corsa e che mi ha consentito di essere protetto in gruppo e sempre nelle prime posizioni ai piedi delle salite. Sul Sa.Fermo Vacek ha attaccato per primo, io sono salito con il mio ritmo mi sentivo bene. Ho preferito salire con il mio ritmo e giocarmi tutto nell’ultimo chilometro come avevo deciso. Dopo il tanto, troppo, tempo perso nella cronosquadre questo era diventato il mio obiettivo e sono molto contento di questo successo”.

Nicolò Lunardon (Pressix P3 – Mito Sport) Leader Km 30: “Volevo questa maglia e ho cercato la fuga fin dall’inizio; allo sprint ho lanciato la volata nella S che prevedeva il traguardo volante e ho guadagnato i punti che volevo”.

Nicola Graziato (Contri Autozai) Leader Km 60: ” Nei primi giri è andata via la fuga degli otto e non ho potuto guadagnare punti, mi restava la possibilità di terminare la tappa davanti ai rivali e ho stretto i denti in salita…ma è stata davvero dura”.

DOMANI ULTIMA TAPPA

Domenica 22 luglio 2018

Quarta tappa LALLIO (Bg) – SAN PAOLO d’ ARGON (Bg) Ore 9.30 – km. 92.4

“Gran Premio MAGLIFICIO SPORTIVO SANTINI” “GRAN PREMIO LVF VALVE SOLUTIONS” “Trofeo ALLBEL” “Trofeo CONTI SALDATURE”

Possibili sorprese anche nell’ultima frazione che presenta un tracciato adatto a fughe e colpi di mano. Dopo la partenza da Lallio il gruppo affronterà il Colle dei Pasta per ben quattro volte sempre dal versante di Torre de’ Roveri con un percorso da “montagne russe”. Il finale è previsto sul traguardo finale a S. Paolo d’Argon via Nazionale.

ORDINE D’ARRIVO: 

1. Antonio Tiberi (Team Franco Ballerini) km 89,50 in 2h24’33” media 37,15 km/h

2. Karel Vacek (Team F.lli Giorgi) a 15″

3. Andrea Piccolo (Team LVF) a 52″

4. Gabriele Bendetti (Work Service Romagnano) a 1’12”

5. Mattia Petrucci (Contri Autozai Omap) a 1’28”

6. Martin Nessler (Ausonia CSI Pescantina) a 1’28”

7. Andrea Debiasi (Ausonia CSI Pescantina) a 2’25”

8. Riccardo Ciuccarelli (Rappresentativa Marche) a 2’29”

9. Andrea Figini (GB Junior Team) a 2’50”

10. Nicolò Tamussi (Rappresentativa Lombardia) a 2’58”

CLASSIFICA GENERALE: 

1. Andrea Piccolo (Team LVF) km 208,50 in 5h08’50” media 40,510 km/h

2. Karel Vacek (Team Giorgi) a 9″

3.Antonio Tiberi (Team Ballerini) a 39″

4. Gabriele Benedetti (Team Work Service Romagnano) a 1’26”

5. Mattia Petrucci (Contri Autozai Omap) a 1’34”

6.Martin Nessler (Ausonia Csi Pescantina) a 1’38”

7. Andrea De Biasi (Ausonia Csi Pescantina) a 2’57”

8. Giosuè Crescioli (Rappresentativa Toscna) a 3’33”

9. Lorenzo Pollicini (C.C.Canturino 1902) a 3’34”

10.Marco COdemo Pressix P3 Mito Sport) a 3’39”

Le maglie

Classifica Generale GF Studio: ANDREA PICCOLO (TEAM LVF)

Classifica a punti  Protec: ANDREA PICCOLO (TEAM LVF)

Classifica scalatore Nava Cilindri: ANTONIO TIBERI (TEAM FRANCO BALLERINI PRIMIGI STORE)

Classifica Giovani Omva – L.M.M.: ANDREA PICCOLO (TEAM LVF)

Classifica Sprint 30° km Hertz: NICOLO’ LUNARDON (PRESSIX P3 MITO SPORT)

Classifica Sprint 60 km° L.CM.: NICOLA GRAZIATO (GDC CONTRI AUTOZAI OMAP)

Classifica squadre:Time Office: TEAM GIORGI